Monday, March 17, 2008

new york first day

qui e' tutto grande che mi sento piccola fincanco io. scrivo su tastiera senza accenti. di corsa perche' costa tutto e per stare al pc ho dovuto prendere gia' tre caffe'. e non e' vero che i caffe' americani sono leggeri. tutt'altro. in due giorni tra volo e altro ho dormito cinque ore. fa un freddo cane. oggi e' san patrick. sto con gli orari italiani dentro e ho evacuato alle nove ora locale che in italia son le due circa. ho l'orologio all'intestino che e' piu' perfetto di me, il che e' tutto dire. avrei tante cose da dire, ma sono ancora sotto shock. dalla finestra i grattacieli. ieri sera mi uscivano le lacrime. mi sento come quei giapponesi che fotografano tutto, stamattina volevo fotografare anche la moquette dell'albergo. ma quello che rimane impresso negli occhi, nessuna foto puo' renderlo. voglio vedere ground zero e la statua, faro' la figura dei burini ma per me la statua della liberta' e' NY. forse nella vita passata ero un emigrante, o forse sara' il retaggio di tanti film. chissa' dov'e' qui central park. mi sembra tutto uguale, ma se guardi bene ogni cosa e' diversa dall'altra. ho una marea di emozioni. e domani a los angeles. torno a roma e posso morire beata. vorrei essere qui con mio padre che sarebbe il Boss di NY e con mia madre che il suo viso s'illuminerebbe per ogni cosa. ora bevo un'altra sorsata di nero bollente. ieri ero con la bronchite e ho preso latte e miele da starbuck e con quella tazza di plastica in mano mi son detta "eccomi nella grande america!!!". kiss

5 comments:

Zu said...

Mado', Pupa, mi fai emozionare!
(e anche a me è venuta in mente Bea, con le sue parole e le sue visioni sempre in anticipo di anni)
Un abbraccio transoceanico, a comprendere la capitale d'Italia e quella mondiale.

bea said...

HI ZU che piacere trovarci qua all'America ancorché virtuale!!!
Spero che il tuo "abbraccio alla capitale d'Italia" non si riferisse a questo sfint... ops! biiiip biiip CENSURED!!!:(
nsomma, HO DECISO di trasferire la capitale d'Italia a MILANO, TORINO e UDINE per l'attività inerente l'HARD WORK. E per l'ITALIAN CULTURE a NAPOLI, LECCE e CORLEONE, un pezzetto per uno:)
A mio INsindacabile INdemocratico giudizio, come al solito:)
Ieri sera al telefono Pupa diceva: sarò scema ma questa Big Apple per me è un capolavoro.
Le ho risposto che siamo in due a esse sceme, perché se togli a Roma quattro vestigia, una piazza di Spagna, un Colosseo e una Città del Vaticano... c'è ben poco da maravigliosamente mavigliarsi da 'sté parti amico mio:(
E mi diceva Pupa che invece OGNI angolo, OGNI mattone, OGNI vetrina, ogni varco tra grattacielo e grattacielo, OGNI ponte, OGNI locale pubblico con la sua bella bandierina americana, a Manhattan è tutto un capolavoro.
Nquantoché so' dittatora, HO DECISO di recuperare l'economia italiana VENDENDO all'Americani n. 1 colosseo, n. 1 eccetera, compreso questo quartiere di San Paolo Basilica che lo definiscono "centro storico" ma la cui povertà MORALE te la ritrovi financo tra frati e suore all'interno della basilica. Provare per credere, OSPITI GRATIS sarà chiunque voglia verificare de visu et de "inauditu":(
Well, Pupa va a Los Angeles e subito suo padre ha sclamato: se incontri Cristuud famme fa' l'autografo!!!
A metà cowboy a metà SpaceMarine, qua noi tre strappiamo brandelli di gioia al nero Destino... sognando l'America:)
HI PUPA, IF YOU STAYN ALIVE batti un net-colpo!:)

bea said...

"Fotografare anche il tappeto dell'albergo..."
Vi sono apparenti minimalia che deflagrano nella mente di chi sa leggere oltre.
Dear Pupa, che non ho capito se sei arrivata a Los Angeles viva o morta o financo "al dente", cioè mezza viva e mezza morta:), vorrei dirti che neanche sei consapevole della portata storico-cultural-rivoluzionaria scaturita dalla tua "piccola" affermazione.
Che significa TALENTO, ovvero SACRO FUOCO per l'Arte del Reportage, stile National Geographic, tanto per intenderci.
Significa, quel tuo voler fotografare "financo il tappeto" che alcune persone ci nascono con l'istinto del fotoreporter. Che non esiste tessera politica o raccomandazione vetero-italiota a dare il "crisma" di fotografo o giornalista o photoreporter o creativo e artista e metticeli tutti!
V'è soltanto IL TALENTO.
Un sacro fuoco da scoprire nell'anima del proprio figlioletto, dapprima. Poi, attraverso "sacri" docenti e "sacri" genitori" e "sacre" Istituzioni (esistenti solo nella mia mente delirante, a quanto pare) quel sacro fuoco va educato, coltivato, allevato alle "sacre" nozioni della tecnica senza la quale non si va da nessuna parte.
Per accedere a quell'Opportunità americana che NOI abbiamo dato a chiunque ci abbia incontrato.
Ma se a questi Itagliani va bene sentirsi "miti" senza aver pagato il dazio del sacrificio e senza avere il talento, se mi leggi prima del 25 ti conviene restartene in America a cercare lì un'opportunità per il tuo grande talento.
LORO ti capirebbero, qua te l'ho detto mille volte: si nte fai la tessera nsei nisciuno:(
Ipsa me mariemarion dixit
Good Speed BabyBlue:)

bea said...

Dovresti scrivere un:
N.Y. The Last Day:o(
in caso per pagarti un internet point ti faccio spedire i soldini da Ser Maicol ex Tom cat:) egli ha i suoi bei possedimenti e financo l'appannaggio di Queen Elizabeth Second, te li può mandare by television o by compiuter, scegli te tanto so' tutt'un'invenzione della Fantasia che come lo saprai da lungo tempore è gratis:)
Ciao Pupa, nme vengheno altre parole, stasera so' triste assai devesse na quistione de settimana santa devesse:o(
Aspetto che suonino le campane, qua è mezzanotte ormai. Chissà come la passate in America la Santa Pasqua?
Immagino che avrai mangiato moooolto DI MAGRO in questi giorni:), domani un po' di DIGIUNO che non guasta per la salute:)
Te vato a prepara' da magna' pe quand'arrivi, ché le vitamine COSTENO!!!

Simona said...

Grande Pupa, sei riuscita a farmi emozionare con poche righe....
non vedo l'ora di rincontrarti per sentire le tue emozioni sugli stati uniti in "viva voce"
un bacione grande
Simona