Sunday, December 23, 2012

questione d'educazione

i maya non ci hanno fatto le scuse. e neanche gli auguri di natale.

Friday, December 21, 2012

Wednesday, December 19, 2012

articolo uno

l'italia è una repubblica affondata sul lavoro.

Monday, December 17, 2012

la crisi è un'opportunità per essere onesti?

passavo poco fa davanti un negozio e mi sono fermata un secondo per controllare il cellulare che sentivo squillare ma eran solo le canzoni di natale del centro commerciale. sento una vocina provenire da chissà dove forse da qualche buco nero: 'shhh...facciamo il 20% di sconto...' mi sibila piano piano. non vedo nessuno e penso che ormai comincio a sentire le voci come giovanna d'arco. 'facciamo i saldi...signora' continua la vocetta che nel frattempo ha preso coraggio e si è alzata di un tono. mi sporgo verso il negozio e vedo una commessa che cerca di tirarmi dentro per il giaccone come fanno nei mercati arabi che stai un'intera giornata a trattare neanche fossi un broker di wall street e alla fine ti porti a casa un'inutile narghilè neanche di vetro. imbarazzata, invento una scusa del genere 'supercazzola' e proseguo la marcia verso il supermercato dove mi saltano all'occhio subito i cartelli 'offerta': pandori di marca a pochi euro, spumanti al 3x2, torroni che pagano loro per farsi portare a casa.
penso a quando strapagavamo le cose prima di natale e poi le ritrovavamo a prezzi stracciati dopo il 6 gennaio. e allora penso anche che questa crisi alla fine non è malaccio.

Thursday, December 13, 2012

meno 8 giorni al giudizio universale...

...e ricordatevi di lasciarmi i pin delle carte di credito.

Wednesday, December 12, 2012

in data speciale 12-12-12, il primo twitter di sua santità.

ha scelto un nome che ricorda più una marca di batterie, di preservativi o di materassi come ondaflex o permaflex.
già mi vedo lo spot in tv: pontifex, il papa da prendere con le molle. parlo ovviamente dell'account con cui il papa è sbarcato su twitter. curiosa come sono, ho cliccato per vedere come e cosa scrive e in risposta ai suoi tweet ho trovato una marea di 'fuck off' e altre parolacce immonde.
sto notando che c'è un sacco di aggressività in giro: leggo su facebook epiteti irripetibili e ormai obsoleti nei confronti di berlusconi, cattiveria gratuita verso emanuele filiberto, verso briatore o la ventura o chiccessia.
l'offesa non è democrazia, la satira pesante poi non fa nemmeno ridere: ricordo ancora una squallida guzzanti essere greve nei confronti di una morente oriana fallaci.
se stiamo andando verso la fine del mondo, come dicono i maya o quelli che cavalcano l'evento per farci due soldi, dovremmo arrivarci con la serenità negli occhi; e sono sicura che occhi così malevoli e maligni, se incontrassero per strada berlusconi, il principe filiberto o tutti quelli a cui si sputa in faccia su internet ovviamente in forma anonima, s'abbasserebbero come saracinesche e non avrebbero il coraggio di dirgli ciò che pensano veramente.
anzi qualcosa da dire ce l'avrebbero: onorevole o prinicipe o vip, mi fai questo favore? tanto l'italiano è quello del voto di scambio, mica altro. tanto l'italiano è quello che se conosce il portiere della figlia del cognato di lino banfi lo sbandiera a destra e manca neanche avesse conosciuto hemingway. tanto l'italiano è ancora quello che dipingono all'estero: baffo nero, mandolino, 'dice cosa fa altra'.
sì, siamo così ammettiamolo e non ci nascondiamo dietro un dito, anche se è quello medio alzato.

Thursday, December 06, 2012

nel bacio perugina di oggi: le bellezza è negli occhi di chi la guarda. goethe

fino a qualche tempo fa andavo spesso dal parrucchiere solo per leggermi tutti i giornali di gossip che non avrei mai osato comprare in edicola: non fa colto, mi dicevo, riprendendomi da terra quell'ulisse di joyce usato come fermaporta nelle giornate ventose.  l'unico modo quindi per sapere di lady diana o di carolina di monaco era quello di tagliarmi spesso i capelli per farmi capitare tra le mani un novella 2000 fresco di stampa, cosa che speravo passasse inosservata alla mia coscienza intellettuale.
ora basta accendere la televisione, aprire un computer, ascoltare la radio che sei subissato da milioni di informazioni da far felice persino la portiera di casa mia; addirittura nei tg di ogni rete, dopo il rituale annuncio della discesa in campo di berlusconi oggi sì e domani no, c'è sempre la notizia di questo o quel vip che ha fatto, ha detto, ha mollato o ha messo incinta.
ecco quindi che in questi giorni sulle prime pagine svetta tra tutti la gravidanza di kate d'inghilterra. malgrado tentino in ogni modo di farcela piacere, kate non è diana: azzardato il paragone, inutile metterle sullo stesso piano. 
con diana, nonostante il suo rango, era come se sul giornale ci stesse la nostra amica del cuore: oggi felice, domani imbronciata, tutta sudata che tornava dal tennis, pensierosa, grassa e gonfia o magra come un grissino, bagnata come un pulcino sulle giostre coi figli, timida e rossa in viso, raggiante come una star, triste nonostante collier e parure miliardarie tutte tempestate di gioielli d'ogni caratura, annoiata durante quella cena o quel galà, imperfetta come ci sentiamo un po' tutti: un momento al settimo cielo e il momento dopo nel buio dei nostri pensieri. 
kate, di contro, è così perfetta da passare quasi inosservata. il suo sorriso è sempre quello, studiato dopo anni di pratica, stereotipato e quasi glaciale, inutile alle volte. i giornali cercano di crearci lo scoop intorno come quel vecchio spot delle caramelle: la principessa è un buco col cappellino e la veletta intorno. e non è questione d'abitudine: lei sarà sempre così anche tra dieci anni, dopo l'ennesimo figlio, l'ennesima inaugurazione, l'ennesimo galà di beneficenza. in questi giorni poi i giornali la danno in ospedale per nausee. e cos'altro potevano o potranno dire mai? durante la gestazione non ingrasserà un etto se non lo stretto necessario, non perderà lo smalto neanche sotto tortura, non avrà quegli sbalzi d'umore tipici del caso e neanche qualche accenno di depressione post partum. sarà sempre così, imbalsamata come la statua di cera di madame tussauds. di lei non ci arriva l'anima, quella che diana sprizzava da ogni poro. questo dovrebbe far riflettere tutte quelle attrici, attricette, starlette e starletto che si tagliano e cuciono come tacchini pronti per la festa del ringraziamento. 
l'imperfezione è vita, è umana. guarda la venere di milo alla quale han staccato le braccia perchè era troppo perfetta.


Wednesday, December 05, 2012

papa-mobile

il papa benedetto sbarca su twitter. in due giorni ha milioni di fan che neanche al bano nel salento. invece se si spulcia tra i suoi 'following', papa benedetto non segue nessuno. solo il cristo, se si iscrivesse. ma non è detto, però.

Friday, November 30, 2012

50 sfumature di bigio

le nuvole grigie corrono così tanto in cielo che è difficoltoso stargli dietro. il cielo muta di continuo. e non devo neanche cambiare canale.

Sunday, November 25, 2012

outplacement

ultim'ora: il papa ha dichiarato che il bue e l'asinello non erano nella stalla con gesù nella notte di natale.
dov'erano, forse ad avetrana con zio michele? giotto quindi dovrebbe cancellarli con photoshop dalla sua 'natività' nella cappella degli scrovegni? ma soprattutto chi ci pensa ora a ricollocarli nel mondo del lavoro?



Thursday, November 22, 2012

solo per cioccolatari

meglio che suoni l'ufficiale giudiziario che chi ti porta via l'ultimo cioccolatino.

lisergic dreams

ho talmente tanta rosa canina in corpo che starnutisco fiori colorati.

Monday, November 19, 2012

geo-politica

stavo facendo una ricerca sulle splendide montagne della cina e, come tutti i cybernauti che si rispettino, apro google e digito le parole chiave: 'monti in cina'. mi si aprono foto e articoli sul nostro presidente del consiglio e sulla situazione disastrosa dell'italia. ma che è una persecuzione, dico tra me e me.


Thursday, November 15, 2012

AAA vendesi 2

ho letto un articolo di un signore che, vista la precarietà a cui è costretto, è arrivato a mettere un annuncio per vendersi il rene, spero il proprio rene.
qualche giorno fa, una mia amica mi dice che ormai a 47 anni le è difficile rimanere incinta a meno che non ci riesca con un ovulo impiantato di un'altra donna. spontaneamente le ho detto che l'ovulo glielo regalavo io, tanto ovulo più ovulo meno, a me cosa cambia?
mi ha risposto che anche per gli ovuli come per il mercato del lavoro vanno le max ventonovenni. e io che pensavo che basta la salute.

Friday, October 26, 2012

AAA vendesi

notizia di ieri, una brasiliana è riuscita a vendere la sua verginità per 600 mila euro. credo a un cinese o un giapponese, non ho capito bene, forse neanche lui.
se la mettiamo così, io allora metto in vendita la mia splendida luna in vergine, taccagna quanto basta, realista, pignola, precisa, affidabile, perfettamente funzionante, immatricolata anno 1969, appena tagliandata dal passaggio di saturno in vergine, uniprò, libretto d'uso incluso.



Thursday, October 25, 2012

nuove uscite

ho un livido sulla coscia con 50 sfumature di viola: potrei farci un best sellers!

Tuesday, October 16, 2012

'ndo sta cleopatra?

ci hanno chiuso dentro casa due giorni, coi sacchi di sabbia nascosti sotto il materasso e le calosce delle grandi occasioni. ho visto migliaia di persone fare rifornimenti al supermarket e al benzinaio come se arrivasse l'apocalisse. persino io ho comprato due kg di pasta in più visto che era in offerta e, distraendo la luna in vergine un po' taccagna, un etto e mezzo di mortadella ma tagliata fina fina.
tutti pronti e sbarrati in casa abbiamo atteso cleopatra, il ciclone d'autunno, quello che ci avrebbe dovuto scoperchiare i tetti lasciandoci tutti in mutande, altro che monti.
ieri sera verso le 20, ora locale di acilia, due goccerelle d'acqua fresca han bagnato le piante assetate dalla prolungata calura estiva e qualche raffica di vento ha portato via le ragnatele qui e là, niente di più.
ora rimane la crisi economica. ma tanto a quella non c'è rimedio, altro che la morte.

Friday, September 14, 2012

hic et nunc

a volte mi chiedo le motivazioni del mio malessere. credo sia perchè sto sempre con la testa proiettata ad un progetto futuro ma con i piedi radicati in qualche lamentela o episodio legati al passato come a volersi negare il momento presente.
il mio obiettivo è godermi ogni singolo momento come fosse il primo ma anche l'ultimo. eviterei tante 'pippie' mentali inutili e fini a se stesse.
ora per esempio mi beo del fatto che i miei jeans preferiti mi entrano di nuovo. poco importa se il mese scorso è stato un mese di merda. il risultato è che sono dimagrita.
dobbiamo pensare al 'qui e ora': praticamente la cura per prendersi per il culo.

Thursday, September 13, 2012

changing times

il maniaco con l'impermeabile nascosto dietro gli alberi è nell'immaginario di tutti. chi di noi non ne ha avuto paura almeno una volta nella vita?
i tempi cambiano, i governi passano, gli smartphone si evolvono e i maniaci spariscono insieme agli impermeabili.
ormai se sei per strada a fare due chiacchiere o in macchina al semaforo o in un parco a leggerti un libro, devi avere paura solo di una cosa: della zanzara tigre.
vedo alla fermata gente che si sbraccia ma non per fermare l'autobus; al parco le persone sono costrette ad intossicarsi la pelle con ogni tipo di repellente: l'off, il vape, l'autan, la citronella. un mio amico consuma gli zampironi come fosse incenso con la differenza che casa sua è negata alle zanzare ma anche alle persone.
io l'altro giorno ero in macchina e mi fermo un attimo per chiedere una informazione. apro il finestrino di un dito che la persona che avevo fermato s'è pure spaventata per quello strano comportamento. nonostante quel centimetro d'aria, è entrata in macchina una zanzara che mi ha torturato le caviglie (posto dove non posso guardare mentre guido) per tutto il tragitto. quando ho parcheggiato avevo tre bolloni rossi e gonfi in prossimità dell'arteria femorale. in fondo l'ho pure ammirata la zanzara: in qualsiasi ospedale per farti un prelievo non trovano mai la vena fecendoti un livido così!

magie della televisione

chi ha presente tom taw, quell'esperto di capelli che fa la pubblicità per sunsilk? se lo vedi per strada con il suo gilettino grigio e triste quanto una giornata uggiosa di fine novembre, la barbetta finto incolta che serve solo a nascondere un doppio mento abbondante e la panzetta da commenda 'ghe pens mi', passeresti avanti chiedendoti: ma chi è 'sto sfigato?

Wednesday, September 05, 2012

escalation

e dopo miss italia, sanremo, un reality e le para-olimpiadi, non è che la minetti (annalisa) ce la ricicliano pure in politica?

Tuesday, September 04, 2012

frasi a effetto

'quello che non ti piace in me, miglioralo in te" alejandro jodorowsky

Thursday, August 02, 2012

olimpiadi

mai come in questi giorni, seppur raramente vista l'esiguità del medagliere, mi viene in mente troisi.

Thursday, July 05, 2012

italianorum

ormai lo spread è sulla bocca di tutti, anche su quella della portinaia che mi consegna le bollette e si lamenta oggi di scipione, domani di caronte e poi di qualche altra amenità propinatagli dal telegiornale.
buona parte delle persone che conosco infarcisce allegramente i discorsi con le parole 'declassamento', 'spending review', 'bosone di higgs' come se parlasse di come si fa l'amatriciana se con l'aglio o la cipolla, propendo per la seconda.
dobbiamo stare al passo coi tempi e questo è il progresso che si fa avanti, anche nel vocabolario ed è bello, utile e istruttivo che sia così.
certo però, scrivere 'interrogazzione' o 'stasse bene' non sono un arcaismo ma proprio errori di italiano anche se pomposamente ti riempi la bocca di bond e rating.

Monday, June 11, 2012

europei 2012

la partita di ieri tra italia e spagna era più uno scontro tra sex a pil.

Friday, June 01, 2012

il vero Mistero

paola barale, tagliuzzata e infarcita come il tacchino del 4 luglio, ricorda ormai la parietti che, a sua volta botulinata e rimpolpata qui e là, è identica alla senicar.
questo vuol dire che per sillogismo la barale è tale e quale alla senicar?

Thursday, May 31, 2012

in 'plastico' we trust

non mi stupirei se in una delle prossime puntate di porta a porta dedicate al terremoto in emilia, spunti in primo piano un bel plastico con tanto di campanile dimezzato, capannoni saltati e chiese divelte. ovviamente ci saranno anche le roulotte e le tendopoli, per rendere tutto più reale. peccato manchi l'assassino, come sempre.

accise e buoi dei paesi tuoi

potrei essere anche d'accordo sulla nuova accisa di due centesimi sulla benzina da destinare agli sfollati e ai terremotati emiliani. quello che mi trova perplessa è pagare percentuali sul carburante riguardo cose che negli anni abbiamo pagato se non addirittura strapagato, tipo la guerra in etiopia del '35, il vajont del '63, l'alluvione di firenze del '66 e vari finanziamenti a guerre che chi glielo ha chiesto.
di questo passo, potremmo mettere un'accisa sulla costruzione dell'arca da parte di noè. d'altro canto anche il diluvio è stata una calamità, o no?

Monday, May 07, 2012

dubbi amletici

ma ora che sarkò esce di scena e potrà accudire la piccola julì, non è che la première dame si rimette in piazza e ci sforna un nuovo cd ricco e zeppo di sussurri?

Friday, May 04, 2012

prima che il gallo canti

hollande e sarkozy come pietro e giuda rinnegano. non è che ora berlusconi si sentirà gesù?

Tuesday, May 01, 2012

primo maggio

secondo gli ultimi dati, i disoccupati nel mondo sono oltre 202 milioni, solo il italia 2 milioni. direi che è proprio festa oggi per chi ha un lavoro.

Friday, April 20, 2012

questa spalla non è un albergo

da una mesata mi porto addosso un torcicollo che rimbaza da spalla a spalla come una palla matta. se continua così, il 16 giugno gli faccio pagare l'imu sulla prima casa. quel che è giusto è giusto, dicono.

Friday, April 13, 2012

bo-shin

comprendo e sorrido a ogni genere di esultanza quando si fa gol: c'è chi saltella come fanno i caprioli sulle cime dolomitiche, chi accenna a passi di samba come neanche a 'ballando con le stelle', chi fa le acrobazie come yuri chechi, chi si ciuccia il dito, chi fa i trenini coi compagni e chi mostra l'indice ad un cielo benigno, chi dedica il suo cuore all'innamorata e chi scopre qualche scritta nascosta come quella storica di totti che purgò i laziali nemici storici.
del piero è uno che ha trovato un modo tutto suo per esultare, tirando fuori la lingua quasi che volesse sbeffeggiare i tifosi avversari. quello che mi chiedo, ma è possibile che tra 70/80/90 mila persone sugli spalti non ci sia un medico che gli dica che la lingua bianca s'intonerà pure con la maglietta ma può nascondere qualche disagio fisico?

Wednesday, April 11, 2012

ladri di pisa

nella migliore tradizione delle pulizie pasquali, ecco il 'trota' espiatorio che paga per tutti. mi fa quasi tenerezza. lui.

Saturday, March 24, 2012

ahi serva italia

finchè sui quotidiani le notizie del giorno saranno l'accurato esame del bikini leopardato di paris hilton, la prova tutù di roberto bolle e la fornero col marito che fanno una comunissima colazione a base di toast bruciacchiati e normalissimo caffè in tazza media, tutti i tweet insulsi di vip e veline passeranno alla storia come fossero stralci de la divina commedia.

Friday, March 16, 2012

Monday, February 27, 2012

altro che beautiful

non si sa ancora con certezza cosa sia successo quel 13 gennaio, il perchè si è atteso così tanto per far scendere tutti e quattromila i passeggeri, non si conosce il numero totale delle vittime e i corpi ritrovati non sono stati, per via della decomposizione, riconosciuti, han trovato subito la scatola nera ma non è ancora stato reso noto il contenuto, non si sa quel 'vabbuò' se fosse per l'interlocutore al telefono o per quel che viene comunicato in plancia al comandante, non ci è dato di sapere perchè una nave grande e grossa passasse di notte così vicino all'isola ma soprattutto a quella velocità (visto che si è parlato di inchino la nave dovrebbe viaggiare a velocità ridotta sennò che inchino è); insomma così come su innumerevoli accadimenti italiani tutto è racchiuso in una nuvola fatta di domande senza risposte, di supposizioni senza certezze, di si dice ma non si deve. in tutto questo baillamme mediatico ci è stato comunicato che quella sera il comandante e la moldava, a detta di lei, si son baciati e che forse avrebbero addirittura passato la notte insieme.
me lo potevate dire che erano ricominciate le repliche di love boat, avrei pagato addirittura il canone!

Tuesday, February 21, 2012

battibecchi

tralasciandoci il festival alle spalle, come quelle feste comandate alle quali non vorresti mai partecipare ma devi, ecco che spunta la polemica tra kekko e emma. lui le dice che è un'ingrata per i mancati ringraziamenti, lei ribatte scusandosi ma senza chiedere venia. lui tace. lei tace. ma la canzone intanto è la più scaricata su itunes.
che loro litighino non è un problema ma che tutti i quotidiani lo riportino in prima pagina mi fa preoccupare: non vorrei che celentano dicesse che 'andrebbero' chiusi.

Thursday, February 16, 2012

sanremo giorno due

ma il ragazzino di sanremo che proviene da 'io canto' è la risposta italiana a justin bieber? potevamo evitare di rispondere, facevamo una figura migliore.

Wednesday, February 15, 2012

sanremo giorno uno

in random tutto quello che ho pensato. anzi quasi tutto perchè durante qualche canzone mi è caduta la palpebra.
se sento un altro giudizio negativo su celentano, giuro che vado a piedi a sanremo a difenderlo personalmente anche se non ho capito fino in fondo il suo intervento, nè dove volesse andare a parare.
è che in italia si fanno sempre due pesi e due misure. prendiamo per esempio la durata del suo intervento: quando ha sforato fiorello e bruno vespa e il suo plastico si sono permessi di lamentarsi, sono stati presi a male parole da tutta l'italia feisbucchiana e tuitteriana. ieri celentano ha sforato di 10 minuti, e i cantanti si son tutti infuriati. poveri cocchi.
fuori dai denti tu, cantante, (è un 'tu' generale anche se in particolare mi riferisco a renga e a quella che poteva esser mina peccato per la n) che hai di solito visibilità pari a zero come nelle nevicate dei giorni scorsi, se anche aspetti dietro le quinte una mezz'ora abbondante e ti esibisci oltre la mezzanotte quando, se pure ti va male, c'è sempre mezzo milione di persone incollate al video, direi che ti è andata comunque di gran culo. e sappi, cantante, che, nonostante i concetti che ancora devo capire, celentano ha trainato oltre 15 milioni di telespettatori e tu al massimo riesci a cantare di fronte a 300 persone durante qualche sagra del formaggio di fossa nelle langhe desolate.
e poi questa storia che il rock è solo dei marlene kuntz e allora giù giudizi positivi, anche se la canzone è una cagata e magari neanche rock. che la poesia è solo di bersani (non il politico) e allora giù giudizi positivi, anche se è banalotta. che l'originalità è solo di eugenio finardi e allora giù giudizi positivi, anche se è incomprensibile. che il jazz è solo di chiara civello e allora giudizi positivi, solo perchè lei ha fatto il conservatorio. che la volgarità è solo di gigi d'alessio e allora giù giudizi negativi, anche se la canzone è orecchiabile, accattivante e il suo sguardo tenero nei confronti della bertè era quasi poetico. che la pazzia è solo della bertè e allora giù giudizi negativi, anche se si comporta normalmente e non caccia neanche una bestemmia. che la scontataggine è solo dei ragazzi usciti da amici o da x factor e allora giudizi negativi, anche se si impegnano per uscire da quest'etichetta.
sorvolerei su ciò che penso di quei due disperati pagati, oltre che dai proventi del canone, anche dalla fiat: il loro intervento in prima serata (cioè quando i ragazzini stanno a cena davanti la televisione) è stato condito da così tante parolacce che non le senti neanche durante il derby roma lazio in curva all'olimpico.
vogliamo parlare delle nostre cantanti in look da tigri aggressive con tacchi alti che neanche berlusconi e poi le vedi arrancare goffe e impacciate come equilibriste sul filo. veramente ridicole.
e, last but not least, cara noemi, ma la tinta color arancio tempesta solare in contrasto col bavero fucsia disco anni'70 era per distogliere l'attenzione dalla canzone?

Monday, February 13, 2012

certo, certissimo anzi probabile

m'è capitato di vedere l'intervista della satta; ovviamente le domande non vertevano sul significato della disambiguazione nell'elaborazione del linguaggio o sulla massa critica nella reazione nucleare a catena o ancora sul bosone di higgs che non è un film in costume con anthony hopkins che fa il maggiordomo. tutta l'intervista era incentrata sulla sua nuova love story con boateng, il principe tatuato del milan.
ora io non sono abbonata a novella 2000 e non seguo day by day tutta la loro vicenda su twitter, ma le sue risposte erano così elusive che se si fidanzano la santanchè con bersani, sanno di più l'uno dell'altra loro che non questi due.

Monday, February 06, 2012

that's life!

dopo il crollo del muro di berlino, il matrimonio di willie e kate, le labbra gommate di alba parietti e l'ultimo parcheggio selvaggio di lapo elkann sui marciapiedi di milano, pensavo di aver visto di tutto. ma sabato non volevo credere ai miei occhi: era tutto un brulicare di moon boot colorati, di scarponi chiodati, ciaspole, giacche a vento con pinguini incorporati, slittini monoposto biposto e matrimonali, moncler di ultima generazione (ecopelle all'esterno e camino con legna che arde all'interno), occhiali da alta montagna con lenti anti-uv, polarizzate, specchiate e perchè no anche con cucina abitabile, cappelli di lana, di cotone, di pelle, da cowboy, kippah, colbacchi, da baseball, con visiera, senza visiera, con copriorecchie, senza, con stufa a gas o semplicemente col bue e l'asinello che ti alitano sulla cervicale.
insomma il fior fiore dell'abbigliamento che vedi sulle nevi di gstaad tutto concentrato nel pezzetto di terra sotto casa coperto da un dito di neve misto a ghiaccio semi sciolto. e tutti allegri: chi si fotografava in ogni posizione, chi si buttava con la busta nera da un finto pendio, chi ha addirittura tirato fuori lo snowboard impolverato dall'armadio dove stazionava insieme a qualche scheletro stagionato. e come nei migliori matrimoni dove si lancia il bouquet, il pezzo forte è stato il lancio delle palle di neve di un color fango tetro e sinistro. ma era davvero fango, visto che in quel parchetto di solito ci portano i cani a fare i bisogni?

Thursday, January 26, 2012

rotte di collisione

certe persone hanno delle paratie mentali così forti che non sarebbe affondata la costa e, forse, neanche il titanic.

Sunday, January 22, 2012

singapore, un anno dopo

entro in un seven eleven per una bottiglietta d'acqua e le mie adorate m&m's gusto arachidi. già che ci sono chiedo informazioni su un tempio buddista che stavo andando a visitare.
sfodero il mio inglese da quinta elementare 'excuse me, mam, do you know the buddist temple?'
'???' risponde la signora malese in non so che lingua.
'buddist temple, budda...' continuo imperterrita accompagnando la frase con gesti alla totò.
un lampo le trapassa lo sguardo 'ah!!!! budda tempula...'
e io più che mai fiduciosa, confermo 'yes, budda tempula!!!'
e lei 'I don't know'.

Saturday, January 14, 2012

notizie dall'altro mondo

A bali se fai una denuncia per lo smarrimento (chiamiamolo cosi') di un oggetto, ti fanno pagare tot mila rupie: oltre il danno pure la beffa, quindi. Penso alla miriade di denunce in italia e a quanto potremmo diventare ricchi!